Seguici su:
YoungPress
Film e telefilm
10 Marzo 2015
Il capitale umano: alcune curiosità.

Paolo Virzì in questa sua undicesima pellicola ci propone un film dal genere ibrido, a metà strada tra un thriller ed un prodotto più decisamente drammatico.Di certo non lo possiamo definire commedia, genere nel quale solitamente si cimenta il regista.

La sceneggiatura è tratta dal libro "Il capitale umano" dell'americano Stephen Amidon : secondo il regista e gli sceneggiatori Francesco Bruni e Francesco Piccolo la trama, nonostante fosse originariamente ambientata in Connecticut, presentava caratteristiche tali da poterla benissimo adattare all'Italia di oggi.

La storia, nell'adattamento cinematografico, si presenta suddivisa in tre capitoli ed un epilogo. La particolarità che la rende curiosa è che essa ricomincia ogni volta dall'inizio: escamotage forse ripreso da Tarantino e tale da permettere allo spettatore di guardare ogni volta la narrazione da un punto di vista diverso.

L'opera di Virzì, inizialmente scelta per rappresentare l'Italia agli Oscar, non è entrata a far parte della short list dei nove titoli per l'Oscar 2015. Il regista ha commentato considerando comunque la candidatura iniziale una "grande soddisfazione".

Una curiosità:  "Il capitale umano" è il primo film ecosostenibile realizzato in Italia in quanto segue le norme del protocollo EDISON GREEN MOVIE. In questo modo la realizzazione della pellicola è stata resa possibile attraverso un contenuto dispendio economico ed un minimo impatto ambientale.

 

 

Per la recensione completa:http://www.cinema.we-news.com/il-blog-di-veronica-crescente

Visite e voti


121 visite uniche.
condivisioni.

Ti è piaciuto l'articolo?
Clicca sul pollice per votare!

2 mi piace

0 non mi piace
Commenti