Seguici su:
YoungPress
Politica
25 Gennaio 2015
L'Italia: il Bel Paese tra crisi e cultura

L'Italia, il Bel Paese tanto amato quanto odiato dai suoi cittadini. Il paese del lusso, del sole, della cultura; ma anche il paese della mafia, della crisi economica e dei politici corrotti. Il paese dal quale tutti sono attratti e tutti vogliono fuggire. Il paese in cui i giovani non hanno alcun futuro. Ed è proprio questo l'aspetto più drammatico dell'attuale società italiana: la prospettiva di vita dei nostri giovani. In un' Italia sempre più corrotta, dove vanno avanti soltanto i raccomandati, dove non conta quanti titoli di studio o quanto talento hai, ma solo chi conosci ai piani alti; dove i primi tagli ai fondi economici sono sempre un privilegio di scuole ed università: è questo il contesto in cui viviamo, il cosiddetto bel paese, anche se ben lontano dal bel paese di cui parlavano Dante e Petrarca. Questi al giorno d'oggi sono considerati gli aspetti principali dello stivale più famoso al mondo, un paese che si sta lentamente spegnendo nelle mani di coloro i quali si curano soltanto dei propri interessi e non di quelli del popolo. Ma se da un lato vi sono aspetti sicuramente negativi da rimproverare alla nostra bella penisola, dall'altro ve ne sono altri decisamente positivi che, nonostante non servano a colmare le gravi difficoltà economiche delle famiglie italiane, non devono essere dimenticate da noi cittadini. Non dobbiamo dimenticare la cultura, la storia, la bellezza dell'Italia; non possiamo dimenticare il sangue che hanno versato i nostri soldati, i nostri nonni, per combattere e difendere il posto in cui viviamo; non possiamo dimenticarci della nostra patria che, nonostante tutto, ha dato molto ad ognuno di noi; non possiamo non apprezzare la bellezza delle nostre spiagge, delle nostre città, dei paesaggi; la bellezza della nostra capitale, Roma,una città meravigliosa, dal fascino irresistibile. Non possiamo, non dobbiamo, dimenticarci di tutte queste cose. Non possiamo permettere agli altri di guardarci e vedere nei nostri occhi soltanto la crisi e la corruzione di chi ci governa. Non possiamo voltare le spalle al paese che ci ha dato la vita, alle nostre radici. Non possiamo darla vinta a coloro i quali ci hanno sempre visti come un terreno di conquista e nemmeno a coloro i quali sono scappati alla prima difficoltà, al primo no ad un colloquio, al primo, inevitabile, schiaffo della vita in età adulta. Perché la bellezza dell' Italia consiste anche in questo: nell' unitarietà del suo popolo e nella speranza, la speranza che un giorno non molto lontano il popolo italiano riesca nuovamente a godersi tutte quelle bellezze che ci circondano e che ci hanno sempre impedito di vedere.

Visite e voti


148 visite uniche.
condivisioni.

Ti è piaciuto l'articolo?
Clicca sul pollice per votare!

1 mi piace

0 non mi piace
L'autore
Christinash
Condividi l'articolo
Commenti